Messina, aggressione ad una noventenne: convalidati gli arresti di due minori

- Cronaca, In evidenza

E’ stata convalidata, nella tarda mattinata di oggi, la misura cautelare in carcere a carico dei due minorenni accusati di lesioni gravi, rapina pluriaggravata e violenza sessuale di gruppo, nei confronti di una donna anziana, aggredita lo scorso sabato pomeriggio all’interno della sua abitazione. Il giudice ha confermato la richiesta dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minori a carico di un 17enne, già noto alle forze dell’ordine, e un 14enne.

I fatti risalgono a sabato pomeriggio, ma sono stati diffusi solo oggi, a conclusione delle indagini della Questura di Messina. A denunciare l’episodio è stata la figlia della novantenne, con una chiamata alla Centrale Operativa della Questura di Messina, che segnalava una presumibile aggressione all’interno della propria abitazione. Sul posto, il personale operante rinveniva l’anziana donna ancora cosciente ma riversa sul pavimento con il volto tumefatto e sanguinante, che riferiva agli operatori di aver acconsentito poco prima l’ingresso all’interno della sua abitazione di due giovani, uno dei quali a lei noto in quanto amico di un suo nipote. Subito dopo, i due, minacciandola e percuotendola ripetutamente, mettevano a soqquadro l’abitazione in cerca di denaro ed oggetti preziosi. Dai successivi accertamenti si riusciva a risalire agli autori dell’aggressione che venivano poco dopo rintracciati, con gli abiti intrisi di sangue ed in evidente stato di agitazione. Nella circostanza, venivano sequestrati a loro carico un coltello a serramanico ed oggetti immediatamente riferibili alla vittima.

L’anziana donna è stata ricoverata in prognosi riservata con fratture multiple e contusioni escoriate in varie parti del corpo. Inoltre, dalle visite cliniche effettuate è emersa ai suoi danni anche una violenza sessuale.

Le indagini sono state coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minori, che con tempestività ha provveduto a chiedere le misure, stamattina convalidate dal giudice.