Il consiglio comunale di Barcellona chiamato a votare d’urgenza le tariffe Tari ed il Piano economico sulla gestione rifiuti

- Politica

Il presidente del Consiglio Comunale di Barcellona Angelo Pino ha convocato in seduta straordinaria il civico consesso il prossimo 31 maggio 2022 per approvare il nuovo piano economico sulla gestione dei rifiuti e il conseguente piano tariffario del 2022 della Tari, tassa sui rifiuti a carico dei cittadini e dei commercianti.

“I tempi stretti per l’approvazione dei due documenti – sottolinea il presidente Pino – non sono imputabili ai ritardi degli uffici preposti, ma alla circostanza legata alla trasmissione del parere sugli stessi documenti da parte della SRR Messina, da cui dipende Barcellona Pozzo di Gotto, avvenuto lo scorso 23 maggio. Non si possiamo permettere un rinvio perché secondo quanto riferito dagli uffici la mancata approvazione dei due provvedimenti provocherebbe un danno economico soprattutto per i commercianti, con un aumento dei costi del servizio pari al 40 per cento”.

Le commissioni permanenti stanno lavorando per esitare i due provvedimenti, anche se la linea è quella di un’astensione dovuto al poco tempo concesso per la valutazione degli atti, per poi riservarsi un confronto in aula con i funzionari e gli assessori competenti, in merito ai contenuti controversi delle due delibere.