Il Papardo di Messina è leader nella chirurgia robotica vertebrale

- Attualità, Cronaca, Provincia, Salute e Benessere

Le malattie degenerative della colonna colpiscono il 27% degli over 65 e la robotica sarà la nuova frontiera della chirurgia vertebrale grazie a sistemi come Mazor TM che offre “sicurezza, efficacia ed una precisione difficile da eguagliare” dice il Professor Salvatore Massimo Cardali dell’Azienda Ospedaliera Papardo di Messina

Sono molti anni che si parla di robotica nella chirurgia ginecologica e urologica ma, al momento, solo il 2 per cento dei centri di chirurgia vertebrale impiega piattaforme robotizzate. L’Italia è leader europeo per competenze e sistemi installati in quest’ambito all’avanguardia, già sviluppato negli Stati Uniti e destinato a crescere esponenzialmente anche in Europa – spiega il Professor Salvatore Massimo Cardali, Direttore dell’Unità Operativa di Neurochirurgia del Papardo di Messina che ha già superato i 100 interventi con Mazor TM, il sistema a guida robotizzata specializzato nella chirurgia vertebrale prodotto da Medtronic, azienda leader mondiale delle tecnologie medicali.

“Il primo, grande vantaggio per il chirurgo è raggiungere un’ideale corrispondenza tra pianificazione ed esecuzione. Con il sistema Mazor TM, infatti, abbiamo un dispositivo che ci permette non solo di pianificare in maniera approfondita l’intervento, ma anche di realizzare con grande precisione quanto pianificato”.

L’avanzato software di MazorTM consente, infatti, di mappare con esattezza l’anatomia del paziente: un vantaggio determinante sia in fase pre-operatoria – perché permette di simulare tutti gli stadi dell’intervento fino a trovare la posizione e l’angolatura migliori per le viti da impiantare nella colonna – sia in sala operatoria, dato che consente di monitorare in tempo reale che ogni azione vada esattamente come programmata. “È sempre il chirurgo a pianificare, guidare e decidere ogni azione – aggiunge il Professor Cardali – ma il braccio robotico garantisce una precisione senza precedenti, difficile da eguagliare a mano libera”.  

Con una accuratezza delle viti impiantate che tocca il 100%, la precisione di MazorTM è, perciò, particolarmente indicata per la chirurgia vertebrale data la delicatezza del sito operatorio e la variabilità delle anatomie individuali, aprendo nuove possibilità di cura per una condizione patologica diffusa e debilitante.

Il dolore alla schiena continuerà, infatti, a crescere con l’invecchiamento della popolazione e la diffusione di stili di lavoro sempre più sedentari. Attualmente, le patologie degenerative della colonna vertebrale colpiscono più di 5mila persone ogni 100mila abitanti in Europa – oltre 51 milioni di persone – e un numero equivalente negli Stati Uniti. L’intervento di ‘fusione spinale’ è considerato il gold-standard nel trattamento delle patologie degenerative lombari lì dove le terapie conservative non abbiano avuto effetto, e consiste nella connessione permanente di due vertebre attraverso viti e supporti per restituire la stabilità primaria alla colonna.

L’impiego del braccio robotico e del suo software di pianificazione aumentano significativamente la sicurezza e l’efficacia nel posizionamento delle viti riducendo, di conseguenza, il rischio di incorrere in complicanze associate all’intervento tradizionale” sottolinea il Professore.  Tre le diverse patologie che richiedono la stabilizzazione della colonna vertebrale, le più frequenti sono: ernia del disco, stenosi del canale, spondilolistesi, scoliosi e fratture vertebrali.

Grazie all’impiego di tecnologie all’avanguardia comeMazor TM siamo divenuti uno dei centri di riferimento in Italiaconclude il Professor Salvatore Massimo Cardali -.  Un risultato particolarmente gratificante per Messina e la Sicilia, dato che il nostro Paese parte da un livello di qualità nella chirurgica vertebrale già molto alto e diffuso nei territori. Ancora troppo spesso, i cittadini della Sicilia danno per scontato di doversi spostare quando, in realtà, possono ricevere le cure più appropriate vicino a casa”.

Tra i vantaggi offerti dall’impiego di MazorTM per i pazienti, si contano, infine, anche una minore esposizione alle radiazioni, una minore perdita di sangue, incisioni più piccole e un tempo di recupero e convalescenza più breve. “Abbiamo ridotto la degenza media da 5,5 a 3,8 giorni, il che ci ha permesso di quadruplicare il numero di persone che possiamo curare all’anno”.

In linea con la nostra Missione di alleviare il dolore, ridare la salute e allungare la vita, ci impegnamo a rendere disponibili strumenti e tecnologie avanzate. Mazor TM segna una nuova tappa del nostro percorso per ‘Engineering the Extraordinary’ – aggiunge Leonardo Noli, Business Unit Director di Medtronic Cranial & Spinal Technologies. – Il nuovo sistema a guida robotizzata costituisce un chiaro esempio di come la tecnologia migliori la qualità di vita del paziente perché offre al medico possibilità di cura interamente nuove, diventando un catalizzatore di progresso sociale e sanitario”.

.
.
.