Appello degli antisovranisti di Barcellona e Milazzo: “Uniti contro le Amministrazioni Carrozzone”

- Attualità

Dopo la visita di Matteo Salvini nel territorio di Barcellona Pozzo di Gotto e Milazzo, che ha visto radunate lo scorso 12 giugno centinaia di persone in un corteo di “accoglienza al contrario”, ha prodotto un appello rivolto a tutti i cittadini ad impegnarsi in prima persona per costruire insieme un patto alternativo contro le politiche sovraniste, con l’obiettivo di creare un percorso collettivo ed inclusivo sui valori democratici dell’uguaglianza, della solidarietà e della giustizia sociale che riesca a dare una progettualità di lungo termine per lo sviluppo sostenibile e la valorizzazione del territorio. 

“È stato bello per tutti noi – si legge nella nota – stare assieme nelle piazze di Barcellona e Milazzo ad esprimere il nostro dissenso. È stato emozionante attendere l’arrivo di Salvini pronti ad issare la nostra protesta contro le politiche retrograde ed autoritarie e la propaganda dell’odio. Ancora, insieme siamo riusciti a rendere la sua visita una triste comparsa e lo abbiamo costretto ad una rapida ritirata. Sentiamo il dovere di fermare l’avanzata delle forze sovraniste ed affariste nel nostro territorio, storicamente luogo di accoglienza e solidarietà.”

L’appello, promosso da CIVICO 6 di Milazzo, Città Aperta di Barcellona, 6000 Sardine, Rete degli Studenti, Rifondazione Comunista, CUB provinciale, Circolo Comunista 21.1.21, Associazione STREGA e da numerosi cittadini, rimane aperto per le adesioni sul form: https://forms.gle/Hgpto7EmGJbvwxuu7

“Organizziamoci, dunque, senza indugi per costituire un fronte progressista che con fermezza respinga l’assalto al patrimonio storico e sociale della nostra comunità. Raccogliamo le nostre energie migliori e mettiamole a disposizione di un processo inclusivo, popolare ed ambizioso che oltre all’affermazione della propria soggettività riesca a costruire una piattaforma programmatica solidale e lungimirante.”