Terme Vigliatore, tra una settimana la riapertura della scuola di San Biagio

- Senza categoria, Attualità

E’ Tutto pronto per la riapertura del plesso scolastico di contrada San Biagio di Terme Vigliatore che avverrà mercoledì 18 alle ore 8,30. Lo ha comunicato il sindaco Domenico Munafò di concerto con la Dirigente Scolastica Enrica Marano. Munafò si dice orgoglioso di questa notizia e vuole festeggiare l’evento insieme a tutti i genitori e bambini del nuovo plesso scolastico (che dopo i festeggiamenti, inizieranno le lezioni), ai componenti della giunta ed ai rappresentanti del consiglio comunale compresa ovviamente la presidente Emanuela Ferrara, il corpo dei vigili urbani con il capitano Nino Prizzi, il comando della stazione dei carabinieri di Terme con il maresciallo Salvatore Ferrara, i sacerdoti Salvatore Catalfamo e Antonio Cortina ed alla presidente del Consiglio di Istituto, Tindara Iarrera.

Adesso questo sarà il plesso più moderno del paese che conta ben 10 plessi scolastici divisi nelle tre frazioni di Terme, San Biagio e Vigliatore. In questa sede, proprio come dicevamo prima, rientreranno gli alunni della infanzia e della primaria, che nel periodo dei lavori sono stati allocati nei plessi di Terme. Il plesso avrà solo una pluriclasse e ben due classi normali il tutto a causa della attuale mancanza di iscritti sufficienti. Sarà una giornata di grande riscatto per la comunità sanbiagese che da anni e anni chiedeva interventi in una scuola che presentava molti disagi per alunni e docenti. Adesso tutto è pronto e pare che la riapertura ha portato i genitori degli alunni della frazione a ritornare ad iscrivere i propri figli, perché è giusto che vadano a scuola in un plesso degno di tale nome e con un corpo docenti idoneo. Nel plesso in questione, di vecchio, sono rimasti i muri esterni. Per il resto la ditta Chiofalo costruzioni di San Filippo del Mela ha rifatto quasi tutto, dagli infissi all’impianto elettrico e idrico, impianto fognario, impianto fotovoltaico, che è stato sistemato sul tetto in modo che la scuola possa avere un risparmio anche economico per il comune potendosi autogestire l’energia prodotta dai pannelli montati. E’ stato fatto anche un cappotto termicoe e sono stati ripristinati tutti i pavimenti, i bagni, gli infissi esterni e le porte. Il plesso sarà invidiato anche per gli esterni molto curati. Dal 18 gli alunni torneranno in classe e recupereranno i 3 giorni di ritardo nei successivi tre sabati, giorno in cui gli altri plessi dell’Istituto sono chiusi e sarà aperta anche la segreteria scolastica.