Terme Vigliatore, sale la protesta dei cittadini contro l’installazione di un’antenna 5G a San Biagio

- Provincia, In evidenza

Un corteo pacifico ha attraversato le via di Terme Vigliatore, da piazza Imperatore Augusto a San Biagio hanno raggiunto piazza Municipio, dove si è tenuto un breve incontro con i cittadini per illustrare le ragioni della protesta

Ecco il servizio di approfondimento realizzato dalla redazione di 24live

Alla manifestazione di dissenso contro le installazioni selvagge delle antenne 5G nei centri abitati e contro l’aumento di potenza da 6v/m a 15v/m entrato in vigore lo scorso 29 aprile, di tutti i ripetitori già presenti su tutto il territorio, erano presenti sabato 11 aprile oltre 200 cittadini che hanno urlato a gran voce, NO AL 5G NEI CENTRI ABITATI – NO ALL’AUMENTO DI POTENZA DA 6V/M A 15V/M!!!

Al corteo era presente l’amministrazione comunale, Legambiente del Longano, l’avvocato Sottile Giuseppe, Assoutenti di Messina, che sono intervenuti al termine del corteo in Piazza Municipio di Terme Vigliatore per aprire un confronto aperto a tutti i cittadini con l’obiettivo comune di trovare soluzioni. L’ amministrazione comunale, il Vice Sindaco Domenico Genovese si è mostrato aperto ad ogni dialogo e ha dato appuntamento agli esperti intervenuti e ad una delegazione del Comitato Cittadino ” NO 5G nei centri abitati” martedì prossimo alle 10.00 nella sede comunale di Terme Vigliatore per discutere e trovare la soluzione più indicata insieme a tutti.

24LIVE-EVIDENZA-corteo-5g-2-1024x576 Terme Vigliatore, sale la protesta dei cittadini contro l'installazione di un'antenna 5G a San Biagio

I punti da discutere saranno 3:
-Sospensione a tempo indeterminato dell’opera avviata in via Ovidio riguardante l’installazione dell’antenna SRB 5g;
-Innalzamento della potenza da 6v/m attuali a 15v/m entrata in vigore lo scorso 29 aprile;
-regolamento del piano di installazioni delle antenne SRB in luoghi idonei lontano dai centri abitati e da tutti i siti sensibili.

Il comitato cittadino costituitosi in occasione della realizzazione di questa opera che deturpa l’ambiente e minaccia la salute di tutti gli essere viventi si auspica che il Comune di Terme Vigliatore apra un consorzio con tutti i comuni vicini e lontani per unire le forze e non essere da soli a fronteggiare questo fenomeno della telefonia mobile ormai in espansione su tutto il territorio nazionale, in quanto sia una problematica che riguarda tutti.

Il comitato di protesta ringrazia quanti hanno partecipato attivamente alla protesta e ringrazia per il supporto sanitario alla Croce d’oro San Francesco, il Medico Chirurgo Dott. Dragà, ringraziano inoltre per il supporto alla sicurezza, la Polizia Municipale, la Protezione Civile ANB ass. nazionale bersaglieri, alla stazione dei Carbinieri di Terme Vigliatore e alla stazione dei carabinieri di Fondachelli Fantina.