Barcellona, ai domiciliari con il braccialetto elettronico per il 22enne fermato in piazza con 110 pasticche di ecstasy acquistate su internet

- Cronaca, In evidenza

Il giudice Giovanni De Marco, presidente del tribunale di Barcellona, ha disposto la misura cautelare degli arresti domiciliari, con l’applicazione del braccialetto elettronico, per un 22 enne fermato in piazza San Sebastiano con addosso 110 pasticche di ecstasy.

Il magistrato, dopo aver convalidato l’arresto, ha accolto l’istanza dell’avvocato difensore Nello Cassata, disponendo i domiciliari con braccialetto elettronico. Il legale ha riferito che il giovane aveva acquistato la sostanza stupefacente sintetica attraverso una piattaforma online, tramite Telegram, con pagamento in bitcoin, ricevendo a casa un pacco di circa 56 grammi con la particolare mercanzia. La tesi difensiva è stata quella di aver effettuato l’acquisto per uso personale, avallata dalla circostanza di non aver ritrovato nell’abitazione nè bilancini di precisione o bustine per il confezionamento, nè denaro in contante possibile provento della vendita.

.
.