L’Igea, con un occhio al mercato, si riorganizza a livello societario ed è pronta a cambiare la denominazione

- Notizie sportive, Calcio, In evidenza

E’ tempo di programmazione in casa Igea, dopo un’anno di alti e bassi, concluso con l’eliminazione al primo turno dei playoff per la serie D.

La compagine giallorossa ha già piazzato alcuni tasselli importanti nel mosaico della prossima stagione, con la conferma del tecnico Pasquale Ferrara e l’incarico di direttore sportivo per Benedetto Bottari. I passaggi successivi sono in corso di definizione e prevedono il passaggio di consegne al vertice della società, con il presidente Stefano Barresi pronto a lasciare l’incarico ad un altro socio, rimanendo all’interno del dirigenza con l’incarico di vice presidente insieme al confermato Marco De Pasquale. La decisione sul nuovo presidente sarà ufficializzata dopo un prossimo incontro che si terrà nel fine settimana.

Il secondo tema su cui si sta discutendo è quello del cambio di denominazione della società. I soci ipotizzano una soluzione che dovrebbe mettere insieme tutta la storia calcistica giallorossa, iniziata nel 1946 come Igea Virtus, trasformata negli anni ’70 in Nuova Igea, tornata alla fine del secondo scorso ancora Igea Virtus, prima dell’attuale denominazione Igea 1946.

Il tecnico Pasquale Ferrara e il direttore sportivo Benedetto Bottari, d’intesa con la dirigenza, stanno già lavorando sulla costruzione della squadra. L’idea è quella di partire dal capitano Maurizio Dall’Oglio e dai tanti juniores che hanno ben figurato nell’ultima stagione, da De Gaetano a Scolaro, solo citarne un paio. Sul fronte delle partenza è destinata a concludersi il rapporto con Assensio, che ha trovato un accordo con il Taormina, e con il portiere Paterniti, impegnato con la nazionale di beach soccer con diversi appuntamenti già dal mese di luglio e quindi non disponibile per il ritiro precampionato. I primi obiettivi di mercato sono legati alla costruzione di un asse portante della squadra, con un portiere affidabile, un difensore che possa affiancare Dall’Oglio, un centrocampista di qualità e un centravanti che abbia confidenza con il gol. Sui nomi in questa fase non si sbilancia nessuno, anche per non bruciare le trattative in corso, ma è probabile che alcuni ex giocatori giallorossi possano tornare a vestire la maglia dell’Igea.