Terme Vigliatore, “Altra Storia” rompe l’accordo con la “Cinquesei”, che ha l’intesa con l’on. Catalfamo

- Politica, In evidenza

A due giorni dalla scadenza dei termini per la presentazione delle candidature a Terme Vigliatore arriva la rottura tra l’associazione Altra Storia ed il movimento Cinquesei. La frattura, ufficializzata da una nota del portavoce Vito Calabrese, è maturata dopo l’accordo annunciato nei giorni scorsi tra il movimento Cinquesei e l’associazione Prima il Territorio, espressione sul territorio del capogruppo della Lega all’ARS, Antonio Catalfamo, che hanno creato una federazione su Terme Vigliatore, mettendo sul tavolo l’intesa programmatica sui temi della tutela ambientale e della difesa del territorio, senza tralasciare i prossimi appuntamenti elettorali. L’on. Catalfamo ha così commentato l’accordo: “Sono molto contento di questa partnership che ci ha visto entusiasti in questa fase. Certamente sono le realtà associative l’ossatura sociale delle nostre comunità e in questo devo dire che l’avvicinarsi delle elezioni ha solo accelerato questo consorzio programmatico“.

Il Movimento Altra Storia con Rita Borsellino di Terme Vigliatore, appresa lo notizia dell’accordo, ha ritirato i propri candidati, considerando l’intesa come un’operazione elettorale di apertura alla Lega. “L’alleanza fra Altra Storia e Cinquesei per le elezioni amministrative – afferma il portavoce Vito Calabrese – si fondava sulla accurata selezione dei candidati da mettere in lista, quindi sulla loro provenienza politica, proprio per distinguerci dalle altre liste ed offrire alla cittadinanza un nuovo modello politico. Nel manifesto dello scorso 7 settembre avevamo segnalato l’altissimo rischio di candidati infiltrati dentro altre liste e del conseguente rischio di trasformismo. L’alleanza con i Cinquesei avrebbe dovuto costituire un presidio di democrazia ed evitare quei tentativi di infiltrazione di candidati non ammessi nelle altre liste e, più in generale, ogni e qualsiasi ipotesi di trasformismo“. Secondo l’Altra Storia, l’alleanza fra i Cinquesei con l’associazione Prima il territorio che fa riferimento all’onorevole Antonio Catalfamo, deputato della Lega Nord all’Assemblea Regionale Siciliana, di fatto include nella lista candidati leghisti. L’ipotesi è però smentita da Nino Chiofalo, presidente dell’associazione Cinquesei, che fa riferimento solo ad un accordo di programma con l’associazione barcellonese sui temi ambientali e di tutela del territorio.

L’associazione Altra Storia, che pure non esclude a priori in una competizione elettorale locale la possibilità di formule politiche flessibili, con alleanze basate sul compromesso, ritiene che il compromesso richiesto in questo caso non è ammissibile e non può essere spiegato alla cittadinanza. “Se Altra Storia – aggiunge Calabrese – che non può in alcun modo spiegare agli elettori la natura di questo compromesso con la Lega, dovrà tacere su contenuti e programmi proprio perché incompatibili con la politica della destra leghista e con gli uomini della Lega su Terme Vigliatore, allora significa che per noi questo compromesso è politicamente sbagliato. Il Movimento di Rita Borsellino, per ovvi motivi, non potrà schierare i propri candidati al fianco di quelli della Lega che, qualora eletti, transiteranno nella maggioranza del Sindaco Cipriano. L’associazione Altra Storia augura a tutti i ragazzi dell’Associazione Cinquesei, prima realtà territoriale presente nel Comune di Terme Vigliatore da circa dieci anni, di insistere con coraggio e con determinazione nelle battaglie a tutela dell’ambiente e del territorio e di mantenere fede alla promessa di guidare una opposizione puntale, decisa, costruttiva per i prossimi cinque anni e porre finalmente le basi per una effettiva alternanza politica, finora mai conosciuta a Terme Vigliatore”.

 

 

 

 

FLACCOMIO GIF