Il legale della dott.ssa Laquidara ha chiesto la revoca del trasferimento

- Cronaca

Il trasferimento dell’ex direttore sanitario dell’ospedale Cutroni Zodda Felicia Laquidara, prima a Milazzo e poi a Lipari, potrebbe finire nelle aule dei tribunali. L’avvocato Filippo Barbera, che rappresenta il dirigente medico, ha infatti inviato una pec con cui ha proceduto a diffidare la Direzione Generale dell’ASP Messina, chiedendo la revoca del trasferimento:

“Abbiamo formalmente richiesto – precisa l’avvocato Barbera – l’immediata revoca degli assurdi ed arbitrari provvedimenti di trasferimento, emessi nei confronti della mia assistita, la Dirigente Felicia Laquidara. Se ciò non accadrà nelle prossime ore, siamo pronti a rivolgerci all’Autorità Giudiziaria perché sia fatta velocemente giustizia e ristabilita la verità dei fatti”

“Riteniamo estremamente grave – continua il legale – ciò che è accaduto, perchè in gioco, oggi, non ci sia solo il destino lavorativo della dottoressa Laquidara,  dirigente seria stimata e scrupolosa, come è da tutti riconosciuto. C’è in ballo anche il diritto dei cittadini ad essere curati scrupolosamente. E’ veramente assurdo che si sia allontanato dalla direzione dell’ospedale Cutroni Zodda proprio chi, fin dall’inizio della pandemia, si è trovato a combattere in prima linea nella lotta al Covid. La sua preziosissima esperienza nella fase più dura dell’emergenza Coronavirus rischia ora di andare perduta. Fermo il fatto che nulla può essere rimproverato alla dirigente, riteniamo che neppure possa essere messo in discussione il diritto dei cittadini ad essere informati liberamente e correttamente su come stanno realmente le cose all’interno del loro ospedale. E’ importante sapere anche che fine hanno fatto gli strumenti comprati o donati in questi mesi con l’impegno ed il sacrificio di associazioni e cittadini”.

 

 

 

FLACCOMIO GIF