Dietrofront di Musumeci: domani consentito l’asporto per bar e ristorazione

- Attualità

La Regione dopo le polemiche sollevate per la chiusura domenicale di tutte le attività commerciali, compresa la ristorazione e gli alimentari, chiarisce con un circolare l’applicazione dell’ordinanza del presidente Nello Musumeci, firmata giovedì sera.

Il dirigente della Protezione civile Salvatore Cocina ha inviato una circolare con cui si precisa che la domenica e nei festivi restano possibili le attività di asporto per ristorazione (bar, ristoranti, pizzerie, pasticcerie) fino alle 22 così come avviene durante la settimana. E’ consentita la vendita di fiori e piante negli orari di apertura dei cimiteri e nei negozi posti nelle loro adiacenze.

Vengono accolte le contestazioni avanzata dei ristoratori, penalizzati dalla possibilità di poter effettuare solo la vendita a domicilio. Al loro fianco tra gli altri si era schierato anche il deputato regionale di Ora Sicilia, Totò Lentini, che aveva definito illogico il provvedimento di Musumeci: “Al Presidente Musumeci chiedo chi gli abbia suggerito la chiusura di bar e pasticcerie la domenica e nei festivi, momenti fondamentali in cui queste attività concentrano buona parte del proprio processo di produzione e di vendita. Ritengo miope una “strategia” che non parta da una sostanziale presa di coscienza di quelli che sono gli aspetti peculiari e le tendenze di consumo della nostra economia. Senza troppi giri di parole, penso che tenere aperte tabaccherie ed edicole e chiudere o vietare la vendita per asporto, la domenica, a bar e pasticcerie sia una soluzione scellerata e priva di qualsiasi logica”.

 

 

 

FLACCOMIO GIF