Progetto “Lost in Education”, l’I.C. Novara di Sicilia propone il primo forum territoriale Regione Sicilia

- Provincia

L’Istituto Comprensivo di Novara di Sicilia, diretto dal dirigente scolastico Giovanni Maisano, prosegue online le attività del progetto “Lost in education”, con l’avvio dei primi Forum Territoriali. IL prossimo 18 Novembre 2020 a partire delle 15 è in programma un webinar in diretta su https://www.youtube.com/user/unicefitalia 

I Forum Territoriali virtuali del progetto dell’UNICEF Italia “Lost in Education”, sostenuto dall’impresa sociale “Con i Bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, rappresentano luoghi di incontro e confronto tra ragazzi, docenti, famiglie, agenzie educative, attori del terzo settore, del profit, enti pubblici e realtà che si occupano di minorenni a livello locale.

Al forum parteciperanno gli studenti e le insegnanti della Scuola Secondaria di Primo Grado dell’Istituto Comprensivo Novara di Sicilia, Plessi di Furnari, Tonnarella e Mazzarrà Sant’Andrea. Con loro ci saranno il dirigente Giovanni Maisano, l’equipe territoriale con la docente deferente Giacoma Crisafulli, il coach Francesca Orlando e la community manager e formatore Serenella Catalano.

Nel corso sono previsti gli interventi del Garante dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza di Palermo, Pasquale D’Andrea, del Sindaco di Furnari, Maurizio Crimi, del Sindaco di Mazzarrà Sant’Andrea, Carmelo Pietrafitta, dei parroci delle Parrocchie di Furnari e Mazzarrà Sant’Andrea, padre Domenico Mirabile e padre Giuseppe Morabito, del Presidente del Comitato Unicef provinciale di Messina, Angela Rizzo Faranda e della Responsabile per la Regione Sicilia del Centro per la Salute del Bambino, Antonella Provenzano.

All’interno dei Forum si attiveranno Tavoli di partecipazione attiva, in cui scambiare buone prassi e individuare strategie comuni alle situazioni di povertà educativa o di disagio sociale. Al centro delle discussioni nei tavoli ci saranno il manifesto The future we want, l’Agenda dei ragazzi e delle ragazze per il futuro post COVID 19 delle proprie comunità educanti e la mappa di comunità educante, frutto del lavoro di mappatura, portato avanti dai ragazzi e dalle ragazze, dei luoghi, fisici e simbolici e degli enti e/o associazioni che considerano “educanti”. Si tratta di una mappa territoriale, che potrà essere base per l’avvio di un processo collettivo verso  patti educativi territoriali.

Attraverso “Lost in education”, l’UNICEF Italia e i partner si pongono l’obiettivo di migliorare il benessere dei ragazzi e la loro capacità personale di percepirsi come attori trasformativi della propria comunità scolastica e di vita (soft skills di cittadinanza attiva). Allo stesso modo puntano a rafforzare la centralità della scuola come luogo educativo formale e in relazione costruttiva con il territorio ed a sviluppare una comunità educante in cui gli attori sociali siano capaci di riconoscere le proprie competenze educative e prendersi carico del processo educativo

Il progetto LOST IN EDUCATION, sostenuto da “Con i Bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, vede l’UNICEF Italia come capofila in collaborazione con Arciragazzi (Nazionale, Sicilia, Liguria, Lazio, Lombardia, Taranto)  e con ARCI Liguria. Sono 20 le scuole secondarie di primo e secondo grado (13 Istituti Comprensivi e 7 Scuole Superiori) di 7 regioni in Italia (Lazio, Lombardia, Sicilia, Puglia, Liguria, Sardegna, Friuli Venezia Giulia) che mettono in pratica l’iniziativa, con l’obiettivo di rendere questi ragazzi e ragazze, insieme con i loro genitori e insegnanti, consapevoli del cambiamento che possono operare nella società diventando essi stessi “pontieri” tra scuole e altri attori della comunità educante.

 

 

 

FLACCOMIO GIF