Segnalazione: “Vi racconto l’ultima follia da Coronavirus”

- Attualità, Cronaca

Giunge in redazione la segnalazione di una lettrice. “Vi racconto l’ultima follia da coronavirus. – esordisce – Credo che è necessario segnalarlo, perchè siamo davvero ad un punto di non ritorno”.

La lettrice, avvocato, ci tiene a precisarlo, si è recata questa mattina a fare la spesa in un noto supermercato della cittadina barcellonese. “Ho aspettato circa un’ora fuori dal supermercato, con la pioggerellina battente. Quando finalmente è arrivato il mio turno sono entrata e, facendo la spesa, ho sentito l’esigenza di dover andare in bagno. Abbandonato il carrello, mi sono avviata presso i bagni pubblici del supermercato che, però, erano chiusi. Chiesta la chiave per poter usufruire del servizio, mi è stato risposto che per disposizioni da COVID-19 non è possibile tenere i bagni aperti al pubblico e che quindi non potevano aprirmi”.

“Purtroppo, fisiologicamente, non riesco a resistere e mi sono sentita male. Oltre a sentirmi male, mi sono umiliata perchè involontariamente mi sono fatta la pipì addosso dopo essermi accasciata al suolo. In soccorso è arrivato il 112. Vedendomi stare male, è stato chiamato anche il 118 che, per ovvi motivi, non è intervenuto ma non lo avrei mai preteso, sia chiaro. – continua la lettrice – Quello che mi spaventa è che siamo, secondo me, arrivati a rasentare la follia. Mi sentivo male e nessuno mi ha soccorso, il bagno non mi è stato aperto. Sono stata invitata a leggere i decreti del Presidente in cui sarebbe stabilito che i bagni dei supermercati devono stare chiusi per pericolo contagio”.

L’avvocato ha deciso di denunciare l’azienda.