Il CESV Messina organizza a Barcellona la giornata del volontariato

- Attualità, Eventi in città

Il Cesv Messina rinnova l’appello al senso del dono gratuito e liberale del proprio tempo in occasione della Giornata internazionale del volontariato, che si celebra il prossimo 5 dicembre,

“Si tratta di un’occasione importante – spiega il presidente del Cesv, Santi Mondello – per sensibilizzare l’opinione pubblica. Non è solo un momento nel quale si celebra e si ricorda l’impegno dei volontari e i tantissimi ambiti in cui quotidianamente intervengono. È soprattutto un’opportunità in più per i cittadini di avvicinarsi al mondo del volontariato, scoprire che sono tantissimi i volontari del nostro territorio e diventare più consapevoli di quanta bellezza ci sia in questa scelta libera, personale e gratuita che arricchisce la qualità della vita delle nostre comunità”. 

Il Cesv, il giorno dopo la Giornata internazionale, ma comunque collegata alla ricorrenza, ha organizzato venerdì 6 dicembre, a partire dallee 17, nell’ex Pescheria di Barcellona Pozzo di Gotto l’iniziativa di sensibilizzazione intitolata “Il volontariato tiene unite le comunità”. La manifestazione, che ha il patrocinio del Comune di Barcellona Pozzo di Gotto, la collaborazione delle associazioni del coordinamento locale del Distretto 28 e la partecipazione degli studenti delle scuole D’Alcontres e Foscolo con i quali i volontari hanno svolto un’esperienza formativa e realizzato lavori dedicati. Oltre agli spazi espositivi delle associazioni, è prevista anche l’attività di informazione e formazione dal titolo “Sapere salvare una vita ti cambia la vita” promossa dalla Misericordia di San Piero Patti Sezione di Falcone.

“L’iniziativa – spiegano gli organizzatori – ha l’obiettivo di riconoscere e far conoscere l’impegno, le capacità e lo spirito che animano i volontari, quantificati In tutto il mondo sono stati quantificati dallo United Nations Volunteers Programme (Unv) in oltre un miliardo di persone”.

“È fondamentale far sapere – conclude Mondello – che c’è all’opera una rete di relazioni, costruita da donne e uomini che scelgono solidarietà e condivisione, riuscendo a dare risposte concrete e a promuovere il cambiamento anche nelle situazioni più complesse e difficili”.