24liveSchool, in gita in città

- Attualità, School Live

Il Comune di Barcellona P.G., ha organizzato una visita guidata del territorio, chiamata “In gita in città”.

L’incontro degli alunni e dei relativi insegnanti, era previsto alle ore 8:30 al monumento rappresentante  “Peppa a cannunera”. Agli scolari di scuola primaria e secondaria di primo grado è stato offerto un cornetto al Bar dello Studente e subito dopo averlo mangiato,  l’assessore alla Cultura e Pubblica Istruzione Angelita Pino e  l’esperto Salvatore Scilipoti, hanno accompagnato gli alunni all’autobus comunale che li ha condotti al Museo Epicentro di Gala, frazione collinare di Barcellona P.G. 

 Il proprietario nonché creatore del museo, di nome Nino Abbate, ha dato la possibilità  di apprezzare e ammirare le belle opere descritte oltre che dalla guida, dagli alunni, che  hanno fatto da “ciceroni” raccontando in sintesi la storia del museo e le parti di cui è composto. E’ stato possibile anche visitare il “Giardino di Salva” che prende nome dalla moglie di Abbate, dove si possono trovare poesie impresse su mattonelle di terra cotta, opere artistiche realizzate in pietra e arbusti e alberi caratteristici del Mediterraneo.  Andando nella parte opposta al giardino, all’interno del museo, erano esposte mattonelle dipinte da artisti contemporanei e non, provenienti da tutto il mondo. Finita la visita al museo, gli alunni hanno proseguito visitando  l’unica torre rimasta, del Monastero Basiliano di Gala.

L’esperto Salvatore Scilipoti ha raccontato la parte più importante della storia di questo monsatero, ed anche gli alunni sono diventati per la seconda volta ciceroni raccontando la storia, l’importanza culturale del monastero di Gala, i manoscritti in esso create e il motivo della sua posizione ai tempi strategica.

 L’ultima tappa  della passeggiata nei luoghi più importanti di Barcellona è  stata nell’ artistico Borgo di Cannistrà dove  si possono ammirare  murales, pali della luce pitturati, poesie o piccole scritte impresse sui muri e tante altre opere realizzate dalla gente del posto, come il salottino all’esterno, realizzato in onore del celebre scrittore siciliano Andrea Camilleri, dove tutti possono prendere un libro dal frigo abbandonato, diventato una piccola biblioteca artistica e leggerlo, respirando un’aria piacevole e non inquinata.

 Cannistrà è un luogo dove l’accoglienza non manca,  infatti l’associazione del posto,  tramite il suo rappresentante Tonino Privitera , ha spiegato agli alunni il motivo della creazione delle opere e il significato di quello che comunemente intendiamo per cittadinanza attiva. Questo momento è stato inoltre arricchito dalla piacevole musica della chitarra magistralmente suonata da Katia Mirabile una ragazza del posto che studia al Conservatorio di Messina e  che ha proposto due brani classici molto apprezzati dai ragazzi, in particolare dagli alunni dell’indirizzo musicale della scuola Bastiano Genovese.

Le nonne  e le anziane signore del posto hanno, infine, offerto ai visitatori il tipico “pani cunzatu” preparato con olio del borgo e pane fresco insieme a genuini dolci fatti in casa.

MATTIA MIGLIORE

3^C IC BASTIANO GENOVESE