Riscoperta dei personaggi barcellonesi con i pannelli del Network Culturale

- Attualità, Cultura

E’ stato presentato oggi, presso i locali del Villino Liberty di via Roma, il nuovo progetto: “Personaggi barcellonesi”, promosso dall’associazione Genius Loci e condiviso dal Network Culturale barcellonese. Si tratta di dieci pannelli info-storico-culturali, che attendono di essere allocati in spazi ben precisi della città, per ricordare alcune personalità che hanno segnato la storia di Barcellona Pozzo di Gotto. Le Presidenze del Network delle Associazioni culturali che hanno già firmato i primi pannelli sono quelle del Lions club, della Fidapa, della Pro Loco Manganaro e della Corda Fratres.

Il presidente dell’associazione Genius Loci, Bernardo Dell’Aglio, ha introdotto il progetto con i dieci pannelli informativi per ricordare quindici “Genii loci” barcellonesi. “L’iniziativa nasce per la riqualificazione culturale del territorio, per preservarne la memoria storica, per la migliore conoscenza e valorizzazione di busti, lapidi o targhe commemorative già esistenti, per poter ottimizzare un circuito di visite guidate con progetti formativi in tutte le  scuole della città. “Personaggi barcellonesi” é il nuovo progetto della Genius Loci in collaborazione con il Network delle associazioni culturali.    

«La nostra città, la città di Barcellona Pozzo di Gotto – ha ricordato Dell’Aglio – vanta una grande ricchezza storica e culturale di uomini e di donne. Dietro ad ognuno di loro abbiamo un periodo della storia delle nostra città. Molti di “loro” sono ricordati con busti commemorativi o lapidi, in vari angoli della città. Da troppo tempo però questi busti o lapidi sono stati dimenticati o mai visitati dai nostri giovani. Per questo vogliamo “riscoprire” questi uomini, le loro biografie, le loro vite, le cose eccellenti fatte nei loro ambiti. Questi “Personaggi barcellonesi” hanno amato la propria città, il proprio territorio, il bene comune. Hanno avuto un senso di appartenenza a questa città, un senso che oggi risulta smarrito. Tutti loro hanno contribuito alla crescita sociale, civile e culturale di Barcellona e Pozzo di Gotto. Per questi motivi la Genius Loci, in collaborazione con il Network delle associazioni culturali, li vuole ricordare, con dieci pannelli informativi con testi biografici e foto, proprio per iniziare a ricordare i primi quindici “Genii loci”.

Ha quindi preso la parola l’assessore Nino Munafò, che ha lodato l’iniziativa delle associazioni, ma allo stesso tempo ha chiesto alcune integrazioni alle richieste presentate: “Per concedere l’autorizzazione, come riferito anche dagli uffici comunali competenti è necessario produrre una liberatoria da parti di eventuali eredi dei personaggi riportati nei pannelli”. La circostanza potrebbe così allungare i tempi di avvio del progetto, che nelle intenzioni della Genius loci doveva partire con la collocazione dei primi pannelli già a settembre, con un evento da organizzare come Network entro la fine del mese. “L’obiettivo di queste iniziative – ha precisato Dell’Aglio – del tutto a carico delle casse delle associazioni, senza alcun tipo di finanziamento pubblico, è quello di creare i presupposti per far tornare la gente e soprattutto i giovani a riassaporare il senso di appartenenza alla propria città, con momenti di aggregazione che consentano di ritrovare il piacere di incontrarsi non solo attraverso i social network, ma con un abbraccio o un sorriso reale”.

Tre sono i pannelli pronti ed in attesa dell’autorizzazione per poterli collocare. Il primo pannello, adottato dal Lions Club, comprende le figure di Bartolo Cattafi, Filippo Rossitto, Placido Mandanici e Nello Cassata, e sarà collocato in Piazza Duomo. Il secondo pannello, adottato dalla Fidapa e dalla Pro Loco Manganaro, attenziona Nino Pino Balotta, Alessandro Manganaro e Nino Leotti, e sarà collocato all’ingresso dei Giardini Oasi. Infine il terzo pannello, interamente dedicato a Giuseppe Cavallaro, sarà collocato in Piazza Libertà, adottato dalla Corda Fratres.

Tra gli altri personaggi già individuati ci saranno Iris Isgrò, Carmelo Santalco, Nino Alberti, Michele Stilo, Giuseppe Cutroni-Zodda, Vittorio Madia e Carlo Stagno D’Alcontres.

All’incontro hanno preso la parola per i saluti il presidente del Lions Pippo Quattrocchi, la past-president della Fidapa Ilaria Cammaroto ed l’esperto alla cultura, Salvo Scilipoti, intervenuti in rappresentanza dell’assessore alla cultura Angelita Pino.