Terme Vigliatore: Costantino, dimissioni al veleno

- Politica

È arrivata ieri pomeriggio la comunicazione ufficiale di dimissioni dalla carica di amministratore e vicesindaco di Carmelo Costantino. Dopo una nota inviata agli organi di stampa, Costantino ha fatto pervenire al sindaco Cipriano una dichiarazione di tre pagine dai toni forti.

Significativi alcuni passaggi della lettera in cui l’ex assessore alle politiche per la sicurezza, in polemica con alcuni consiglieri di maggioranza e con lo stesso Cipriano, ha invitato quest’ultimo a rendere conto pubblicamente dell’operato dell’Amministrazione: “Sindaco, abbia il coraggio di costruire un robusto palco (per motivi di sicurezza, visto il peso, in acciaio inox), faccia salire i suoi collaboratori più stretti e significativi, raduni la cittadinanza, le rappresentanze sociali, le forze economiche e produttive e parli dei suoi obiettivi raggiunti e di quelli raggiungibili nell’interesse della città […] Alzi la testa dal guanciale imbottito di sedativi rassicuranti ed esponga il progetto di piazza Municipio, spieghi come stanno andando la mensa scolastica e la riqualificazione del lungomare, come funzionano i servizi sociali, il servizio di assistenza agli anziani, che fine hanno fatto i contributi per le parrocchie e con quali risorse vuole stabilizzare i precari”.

Parole dure, alle quali non è ancora seguita una replica del sindaco, chiamato ora a nominare il successore di Costantino. Tra i nomi che circolano, il più probabile è quello dell’attuale assessore alla cultura e allo sport Gennaro Nicolò.

.
.