Aggressioni ai sanitari dei Pronto Soccorsi: la Fials annuncia proteste

- Attualità, Primo Piano

“La crisi e la disperazione dell’utenza non giustifica gravi atti di aggressione” con queste parole il sindacato FIALS (Federazione Italiana Autonomie Locali e Sanità) – sede di Barcellona commenta gli episodi di violenza verificatisi nei Pronto Soccorsi di Barcellona e Milazzo la settimana scorsa, in una comunicazione inviata al Commissario Straordinario dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Messina.

La FIALS denuncia la crescita esponenziale degli atti di aggressione perpetrati ai danni del personale sanitario e rintraccia le cause di tali atti da un lato nelle carenze strutturali, organizzative e di organico e nella mancanza di un posto fisso di vigilanza, dall’altro nella crisi e disperazione dell’utenza. Pertanto chiede alla Direzione Aziendale un potenziamento del personale ed un adeguamento degli spazi dei Pronto Soccorsi in modo che si possa offrire ai pazienti un servizio più adeguato e agli impiegati delle condizioni di lavoro più sicure e serene.

L’organizzazione sindacale, delusa per la mancata attuazione della recente riforma organizzativa dei Pronto Soccorsi, chiede quindi alla Direzione Aziendale che intervenga in maniera concreta ed urgente. In caso contrario si dichiara pronta ad avviare diverse forme di protesta a partire dalla richiesta di trasferimento di tutti i dipendenti che lavorano nel Pronto Soccorso in altre Unità Operative.

 

 

 

FLACCOMIO GIF