Si conclude l’anno europeo del volontariato 2011: “Per fare tutto… ci vuole un fiore”

- Cronaca, Musica e Spettacoli, Provincia

Il 26 gennaio scorso si è concluso in Sud Italia l’Anno Europeo del Volontariato con una serie di eventi organizzati dal CESV (Centro Servizi per il Volontariato) di Messina. La seconda cerimonia di chiusura, dopo la prima organizzata a Genova per la chiusura dell’Anno Europeo del Volontariato al Nord Italia,  si è sviluppata in più fasi che si sono svolte come segue. Dalle ore 9.00 alle 12.30, presso il Palacultura “Antonello da Messina”, si è promosso un incontro con la Consulta provinciale degli studenti di Messina e con alcuni Istituti delle scuole secondarie superiori, nell’ambito della promozione del volontariato giovanile del “Progetto Giovani e volontariato: un laboratorio di idee in evoluzione” e nello specifico dei “Laboratori della cittadinanza condivisa e partecipata” del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in collaborazione con l’Osservatorio Nazionale per il Volontariato. Questo evento ha visto, infatti, protagonisti i giovani adolescenti che, insieme ad alcune Associazioni di Volontariato hanno partecipato e svolto dei progetti, come, ad esempio, è avvenuto per i ragazzi dell’Istituto AINIS e l’Associazione VIP (ViviamoInPositivo)di Messina. Sono intervenuti all’incontro volontari di tutto il territorio europeo, fisicamente ma anche tramite videochiamata. Alle ore 21.00 dello stesso giorno, nello stesso luogo,si è organizzato un evento culturale con raccolta fondi per progetti di sostegno alle comunità colpite da calamità naturali nella provincia di Messina. Al Concerto dell’Orchestra da camera del Teatro “Cilea” di Reggio Calabria, con solista Antonino Cicero (al fagotto) e con direttore Rosario Presutti, hanno partecipato l’attrice Carmen Panarello, gli allievi e una corale femminile del laboratorio multidisciplinare di Messina “EfremLab”, diretto dall’attore Giovanni Maria Currò e dal cantante Paride Acacia. Ha condotto la giornalista Gisella Cicciò. La direzione artistica della serata è stata di Giacomo Farina. Con lo slogan “Per fare tutto…ci vuole un fiore”, si è ricordata l’importanza sociale del volontariato, anche all’interno di una compagine di Paesi come quelli Europei, che, seppur diversi per tradizioni, lingua, costumi, storia, sono tutte accomunate dallo stesso modo di amare e di donarsi, dagli stessi principi sani e dallo stesso cuore color arcobaleno.